Succede sempre cosí. Entro in una cartoleria e subito mi prende una sensazione quasi magica. La parola adatta é “fascino”. Sí, sono affascinata dagli oggetti della scuola e dell’ufficio. Potrei passare delle ore dentro ad un negozio dove vendono materiale per insegnanti, maestre, scolari, studenti, manager e segretarie.

Cammino tra i vari reparti osservando ogni penna, ogni matita, le confezioni dei pennarelli o delle matite colorate. Magari ne provo qualcuna, scrivo il mio nome su un blocco notes per verificare la scorrevolezza del tratto.

Il mio reparto preferito è quello dei quaderni. Sono letteralmente innamorata dei quaderni! A quadri, a righe, a puntini. Grandi o piccoli. Con la copertina morbida o rigida. Quaderni a spirale o rilegati. Bianchi o colorati. E li prendo in mano, annuso il profumo della carta nuova. Li accarezzo. Per me i quaderni sono quasi come un oggetto sacro. Non ne capisco il motivo; forse c’è qualcosa che mi lega ai ricordi infantili della scuola e della mia cara maestra Malvina.

I minuti passano dentro la cartoleria e le commesse si chiedono se mai compreró qualcosa. Il mio giro prosegue nel reparto ufficio dove altro materiale attrae la mia attenzione, come il richiamo delle sirene. Forse mi manca un’agenda? O mi serve una cartellina per archiviare delle foto? O mi servono delle buste trasparenti per proteggere documenti importanti? Di sicuro trovo qualche prodotto esposto negli scaffali che mi fa perdere ancora tempo prezioso.

Non esco mai senza aver acquistato una gomma, una matita o un blocco notes. È piú forte di me l’istinto di portarmi a casa un oggetto da usare nel mio lavoro alla scrivania. Come ho detto all’inizio, è come se io fossi stregata.

Amo le vecchie cartolerie. Quelle cartolerie piccole dove trovi quaderni raffinati, diversi dalla produzione di massa; le carte regalo con immagini antiche, eleganti; le rubriche telefoniche in pelle; i blocchi per le ricette di cucina o i lavori di casa; i biglietti per gli auguri speciali.

In Austria non mi sono ancora imbattuta in un negozio di questo tipo. Purtroppo, anche in Italia stanno sparendo, sono sostituite dalle grandi catene, piene di prodotti scadenti a basso costo.

Tempo fa, passeggiando a Gorizia, sono entrata in una cartolibreria. Desideravo acquistare della carta da lettere decorata e delle buste. La commessa ha cercato invano negli angoli nascosti degli scaffali e non ha trovato nulla. Ho capito che i tempi stanno cambiando. La scrittura sulla carta è stata sostituita dalla scrittura sul video.

Ma vi giuro che non ho parole per descrivervi il piacere che provo quando apro un nuovo quaderno alla prima pagina bianca e comincio a scriverci sopra.

Conosci una bella cartoleria nella tua cittá? Mandami i tuoi consigli.

Nella mia città natale di Bassano del Grappa esiste una famosa carteria. Puoi vedere i loro prodotti in questo link:

Abonnieren Sie jetzt meinen Blog!

 

Loading