Fare shopping: croce o delizia?

Fare shopping: croce o delizia?

Italienisch Niveaustufe B1

Negli ultimi due anni ho frequentato poco i negozi di abbigliamento: il mio armadio era abbastanza pieno di capi ancora buoni, non avevo bisogno di cambiarmi spesso per i miei corsi, non mi “facevo bella” per andare in bar e ristoranti. Ma è arrivato il punto in cui, aprendo i cassetti e le ante del mio armadio, non avevo piú neanche una camicia, un paio di pantaloni o un maglione da mettere.

Con gli anni le forme del mio corpo sono cambiate. I jeans attillati mi stringono nella pancia e nelle gambe; le maglie e le gonne troppo corte non si addicono ad una cinquantenne; le magliette aderenti mi provocano ondate di calore, mentre con una sola camicia ho freddo. Insomma, piano piano, ho dovuto scartare quasi tutto l’abbigliamento che possedevo. L’ho messo in una scatola, chissá, forse in vecchiaia torneró magra.

E cosí, la settimana scorsa, ho deciso di fare “shopping”. Questo verbo inglese è entrato nel vocabolario degli italiani da poco tempo. In italiano usiamo l’espressione “vado a fare spese”, oppure “vado a fare un po’ di acquisti” che significa andare nei negozi di abbigliamento e scarpe per comprare nuovi vestiti. Attenzione alla differenza con l’espressione “vado a fare la spesa” (= vado al supermercato).

Ho sempre adorato fare shopping, seguire le tendenze della moda, comprare accessori. Ero alta e magra. Ogni giacca, ogni pantalone, ogni cappotto, ogni berretto mi stava benissimo. Potevo portare a casa tutto ció che volevo. Ora non piú. Ecco come è andata la settimana scorsa.

Il mio giro di acquisti è partito dalla filiale di una grande catena internazionale. Avevo tempo, c’era poca gente, gli scaffali erano in ordine. Ho camminato per un’ora tra carrelli e mobili colmi di vestiario. Ho guardato e ho toccato ogni capo. Ho letto ogni etichetta su camicie e pullover: materiale, provenienza, produzione. Dopo un’ora ero giá innervosita: ho scartato tutto ció che era fatto di fibre sintetiche e tutto ció che era prodotto in Cina. Non é rimasto quasi niente. Dov’è il cotone? Dov’è la lana? Ero frustrata.

Inoltre, lo stile attuale ci impone pantaloni larghi e comodi (va bene, ma mi sembrano delle tute da ginnastica!); vestiti larghi e dritti senza forma; gilet lunghi di lana che assomigliano ai grembiuli della nonna; cardigan troppo larghi sopra a magliette troppo corte; camicie svolazzanti impossibili da inserire nei jeans. Ma come fa una donna (di cinquant’anni) a sentirsi sexy? Dove sono finite le classiche camicie eleganti che segnano il petto e il punto vita? Dove sono finiti i pantaloni che arrivano alle scarpe e non al polpaccio? Esistono delle gonne che non siano minigonne per teenager? Sono sempre alta e non sono piú magra. Ma non voglio vestirmi “da vecchia”, come dice mia figlia. Purtroppo, devo ammettere che la moda attuale mi ha deluso.

La mia visita ad altri due negozi piú esclusivi non ha migliorato il mio umore. Ha solo confermato le mie impressioni iniziali. Tutto è maxi, larghissimo, lunghissimo, comodissimo. Oppure mini, strettissimo, aderentissimo. Una moda per stare in casa o una moda per giovani ragazze da discoteca. Niente a metá strada.

Sono tornata a casa esausta e depressa senza le classiche borse rigide dello shopping che ti riempiono il cuore di felicitá (avete presente il film “Pretty Woman” quando Julia Roberts torna da Rodeo Drive?). E per voi, fare spese è piú croce o piú delizia?

 

 

 

 

 

Abonnieren Sie jetzt meinen Blog!

 

Loading